Il pesciolino d’oro

di Fiorella Colombo, dedicato alla memoria di Lorenzo Costa, direttore artistico del Teatro Garage, scomparso improvvisamente il 27 agosto 2020

con Fiorella Colombo, Giuseppe Pellegrini, Lucia Razeto, canti e musiche originali dal vivo

scenografie a cura di Sandro Fracchiolla; oggetti di scena a cura di Fiammetta Bellati, Ombretta Dogliotti, Enrico Torielli

durata: 70 min

età: dai 3 anni – per tutta la famiglia

Lo spettacolo prende spunto dall’antica fiaba russa di Aleksandr Pushkin, proponendo una narrazione teatrale poetica e musicale, dedicata ai più piccini, ma non solo, liberamente reinterpretata e ulteriormente sviluppata con un finale a sorpresa.

Un vecchio pescatore un giorno pesca in mare un pesciolino d’oro, che in cambio della libertà promette di esaudire tutto ciò che il pescatore vorrà. Ma il vecchio pescatore, una volta tornato a casa, viene assalito dalla vecchia moglie che, sempre più avida ed esosa,  alla fine perde tutto perché “chi troppo vuole nulla stringe”.

Fiorella Colombo è la sirena narratrice, voce del pesciolino d’oro

Ma qui parte il nuovo finale: il vecchio pescatore sapeva che cosa desiderava veramente per la sua vita? Sapeva cosa lo rendeva felice? Era connesso profondamente con la sua mission, oppure subiva solamente e agiva solo per accondiscendere la moglie? Era in contatto con i suoi desideri più profondi? Il pescatore dovrà affrontare quindi una difficilissima prova, che sarà l’ultima; imparerà che solo abbandonandosi alla tempesta del mare e accettando tutto ciò che è stato, potrà salvarsi.

Giuseppe Pellegrini è il vecchio pescatore, Lucia Razeto è la vecchia moglie

 

“Quello che chiedi ti arriverà” dice il pesciolino a gran voce!

Quindi preparate i vostri desideri e … venite a teatro!

 

 

 

 

Le canzoni originali suonate e cantate dal vivo accompagnano e sottolineano i momenti più salienti della fiaba.

Le foto di questa pagina sono di Irene Ferrari